Cos’è lo Stress Lavoro Correlato?

18 Gennaio 2023
Cos’è lo Stress Lavoro Correlato?

Partendo dall’accordo quadro europeo del 2004, lo Stress Lavoro Correlato (SLC) viene definito come "una condizione che può essere accompagnata da disturbi o disfunzioni di natura fisica, psicologica o sociale ed è conseguenza del fatto che taluni individui non si sentono in grado di corrispondere alle richieste o alle aspettative riposte in loro".

È obbligatoria la valutazione dello Stress Lavoro Correlato?

Essendo lo stress da lavoro correlato causato da aspetti collegati all’organizzazione e all’ambiente di lavoro, potenzialmente sono interessati tutti i lavoratori e tutti i luoghi di lavoro.

L’art. 28 del D.Lgs. 81/08, che impone degli obblighi al datore di lavoro, specifica che la valutazione dei rischi per la sicurezza e salute dei lavoratori deve riguardare «tutti i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori ivi compresi quelli riguardanti i gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari tra cui quelli collegati allo stress lavoro correlato, secondo i contenuti dell’Accordo Europeo dell’08/10/2004».

La commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro ha elaborato nel 2010 le indicazioni necessarie alla valutazione del rischio SLC individuando un percorso metodologico che rappresenta il livello minimo di attuazione di tale obbligo.

Nel 2017 l’INAIL ha sviluppato una nuova proposta di facile attuazione ed aiuto per le aziende, basata su approcci e procedure che sono frutto di ricerche scientifiche e con l’obbligo della frequenza di valutazione ogni 2 anni salvo l’adozione di provvedimenti più restrittivi.

La mancata valutazione del rischio SLC comporta una sanzione per il datore di lavoro che è pari all’arresto da tre a sei mesi o un’ammenda da € 3.071,27 a € 7.862,44.

Come si misura il livello di stress nei luoghi di lavoro?

La valutazione dello stress nei luoghi di lavoro viene fatta per gruppi omogenei di lavoratori all’interno dell’azienda (per es., operai, impiegati ecc.) e vede coinvolta oltre alla figura del Datore di Lavoro anche quelle del RSPP, MC e RLS.

La valutazione si può dividere in una prima fase preliminare ed in una seconda eventuale valutazione, più approfondita.

Nella fase preliminare viene svolta:

  • L’analisi degli eventi sentinella ovvero i sintomi tipici causati da stress lavorativi (indici infortunistici, assenze per malattia, percentuale assenze dal lavoro, percentuale ferie non godute, percentuale trasferimenti interni richiesti dal personale, percentuale rotazione del personale, procedimenti e sanzioni disciplinari e richieste visite mediche straordinaria al Medico Competente)
  • La rilevazione degli indicatori di area contenuto del lavoro (ambiente di lavoro ed attrezzature di lavoro, pianificazione dei compiti, carichi e ritmi di lavoro, orario di lavoro e turni ecc.)
  • La rivelazione degli indicatore di area contesto del lavoro (funzione e cultura organizzativa, ruolo nell’ambito dell’organizzazione, evoluzione di carriera, autonomia decisionale e controllo del lavoro, rapporti interpersonali sul lavoro e interfaccia casa-lavoro).

Tutti i dati raccolti vengono successivamente inseriti in un’apposita lista di controllo e la somma dei punteggi attribuiti alle tre aree (eventi sentinella, area contenuto del lavoro ed area contesto del lavoro) permetterà di individuare alla fine un indicatore evidenziando se vi è la presenza di rischio stress lavoro correlato.

Nel caso di un dato significativo in uno o più gruppi omogenei si dovrà procedere obbligatoriamente con una valutazione più approfondita col fine di sviluppare, pianificare ed attuare misure ed interventi correttivi per evitare che l’eventuale situazione di rischio crei possibili danni ai lavoratori e all’azienda.

Quali ripercussioni può avere lo stress da lavoro correlato in azienda?

Fra i diversi sintomi da lavoro correlato si possono evidenziare, per esempio, ansia, paura, ossessione, ipocondria, isteria, paranoia, depressione, aggressività, bassa autostima e disturbi del sonno, dipendenza da droghe che possono che compromettere anche l’equilibrio relazionale e familiare del lavoratore.

I sintomi da stress lavoro correlato possono avere effetti negativi sia sulla persona che sull’azienda come ad esempio un calo delle performance del lavoratore, un aumento degli incidenti causati da errore umano, malattie, assenteismo, comunicazione inefficace, mancanza di sostegno da parte di colleghi o superiori, presenzialismo ovvero una presenza prolungata ma improduttiva ed atteggiamenti negativi.

Sono alcuni dei fattori che rappresentano un aumento dei costi per l’impresa e il progressivo degrado dell’ambiente lavorativo: una situazione che si può prevenire e ridurre se applicate le adeguate linee guida per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato.

Imprendo Srl

Vuoi maggiori informazioni?

Affidati agli esperti Imprendo!

Contattaci subito!

    Acconsento al Trattamento della Privacy*

    ISO 9001 logo
    logo Organismo di Formazione
    magnifier linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram